La MIG 2021  si prepara all’inaugurazione del 28 novembre al quartiere fieristico di Longarone (Bl), dove si concluderà il primo dicembre. Alla 61° mostra internazionale del gelato l’aria che si respira, secondo quanto sottolineato durante la conferenza stampa di presentazione del 25 novembre, è piuttosto positiva.
Il presidente Gian Angelo Bellati: “Fare previsioni ora è prematuro ma siamo fieri del fatto che sarà la prima fiera in presenza dedicata al gelato artigianale. Non tralascio il fatto che un’intera area è stata attrezzata per rispettare le regole. Puntiamo molto sulla sicurezza considerando che potremmo avere operatori dall’estero e poi ci saranno consulenze per il mercato italiano e tedesco per la rivoluzione Green. L’aspetto importante è che la MIG 2021 deve aprirsi anche ad altri settori legati alla gelateria come la pasticceria e la cioccolata dopo l’esperimento del caffè. Importante il sostegno di Roberto Padrin e i soci della fiera e le associazioni che si stanno impegnando in un momento così difficile e Dario Olivier, vero locomotore per l’impegno che ha permesso che l’evento arrivasse alla 61 edizione”.

A capo di tutta l’organizzazione  Dario Olivier che ha ricordato la particolarità di questa edizione. “Sarà un’edizione green, plastic free; non ammetteremo in fiera niente che sia monouso di plastica perché ci siamo posti l’obiettivo di tutelare l’ambiente. Stessa attenzione ai macchinari che permettono una bassa emissione di CO2. Purtroppo la situazione tedesca non permette la presenza dei loro tecnici, ma grazie all’online saremo in grado di dare sempre supporto in tempo reale”.

Tre i cardini del rilancio di MIG 2021, a dimostrazione di come gli strumenti proposti rispondano alle esigenze del mercato e per far incontrare domanda e offerta in un contesto innovativo e favorevole al business.

La prima novità riguarda la distinzione degli spazi espositivi tra il settore degli addetti ai lavori e il settore aperto al pubblico. Questo non solo per evitare assembramenti, ma anche per permettere alle aziende espositrici di lavorare in un ambiente meno caotico e di sfruttare al meglio il tempo a disposizione per concludere serenamente più contratti.
Ma soprattutto MIG 2021 vuole essere un evento che cambierà il concetto di sostenibilità in gelateria.
La fiera sarà vetrina espositiva reale del futuro in gelateria: niente plastica monouso, utilizzo di materiali solo naturali negli stand, rintracciabilità degli ingredienti e prodotti certificati, presentazione di moderni macchinari, che riducono i consumi di energia e acqua oltre alle emissioni di C02.
Alla parte espositiva si aggiunge un programma di consulenza mirata da parte di tecnici ed esperti provenienti da Germania e Italia, per l’informazione ai gelatieri sui sussidi statali negli investimenti in gelateria.

Infine tra gli espositori di MIG 2021 diverse new entry di società, che nei mercati internazionale sono già attive, ma ad oggi non si erano viste alle manifestazioni fieristiche.