Vitrum 2019, i numeri della 21° edizione

[:it]Vitrum 2019, ha proseguito nel percorso di affermazione internazionale di piattaforma espositiva di rilievo dedicata al settore.[:]

Dall’1 all’4 novembre a Fiera Milano Rho, Vitrum 2019, salone internazionale biennale specializzato nella lavorazione del vetro, ha proseguito nel percorso di affermazione internazionale di piattaforma espositiva di rilievo dedicata al settore.

Un posizionamento confermato dai dati relativi alla 21° edizione di Vitrum: 267 espositori provenienti da 25 Paesi, con una crescita del 9% rispetto all’edizione 2017. Aumentata anche la superficie netta occupata passata dai 14.569 mq ai 16.134 mq di Vitrum 2019 (+10,81%). L’internazionalità è confermata anche dai dati relativi ai visitatori che fanno registrare una significativa percentuale di presenza straniera. I passaggi ai tornelli indicano 11.816 visitatori, dei quali il 53,15% da 85 differenti Paesi. In particolare dalla Russia, Germania, Spagna, Polonia e Francia.

Una fiera sempre più internazionale
A proposito di numeri il presidente di Vitrum, Dino Zandonella Necca, ha sottolineato: «Vitrum 2019 è andato positivamente in controtendenza rispetto alle precedenti edizioni: infatti, se il 2017 ha segnato l’anno zero del nuovo corso, quest’anno i numeri sono tornati in positivo, con quasi il +11% di spazio espositivo occupato e più di 15.500.000 euro di macchinari esposti dalle aziende. A questi dati vanno ad aggiungersi il cambiamento radicale avvenuto nella tipologia dei visitatori, apprezzati dalla maggior parte delle Aziende espositrici per la professionalità e specializzazione tecnica: con circa 7.000 registrati e quasi 12.000 accessi, Vitrum si è decisamente posizionata tra le maggiori fiere mondiali specializzate nei macchinari per il vetro».

Questa edizione ha infatti registrato un’incidenza molto consistente di operatori professionali, sulla totalità dei visitatori, un risultato che si affianca al positivo andamento dell’export del comparto nel primo semestre 2019 a riprova del felice momento che sta attraversando la meccanica italiana della lavorazione del vetro.

Strategica quindi la partecipazione da Vitrum 2019 dei top buyer internazionali, grazie anche al supporto all’incoming messo a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico e da ICE Agenzia. Come ricordato da Zandonella Necca, i 75 top buyer in arrivo da 18 Paesi, oltre a visitare Vitrum, hanno anche preso parte a un totale di 327 appuntamenti presso gli stand delle aziende italiane.

Inoltre, grazie sempre alla sinergia con ICE Agenzia, si è rafforzata la collaborazione con le associazioni internazionali del vetro – 22 da 17 Paesi, – che hanno contribuito fortemente all’internazionalità e alla qualità dei visitatori. Analogamente anche sul versante espositori, Vitrum conferma l’alto livello qualitativo delle adesioni: la categoria dei produttori rappresentava, infatti, oltre il 77% delle aziende espositrici, con 206 presenze, pari al +10,2% rispetto al 2017.

Il prossimo appuntamento sarà a Vitrum 2021, dal 5 all’8 ottobre sempre a Fiera Milano Rho. Un evento che, nello scenario economico interdipendente, si è consolidato come un momento strategico di business e di confronto, al servizio dell’industria del vetro mondiale.