Pitti Bimbo 2019 sarà ricco di novità

Dal 20 al 22 giugno il mondo del childrenswear si dà appuntamento a Firenze con Pitti Bimbo.

Un esempio? La Fondazione Andrea Bocelli e Chopard hanno scelto la città di Firenze e Pitti Bimbo 2019 per ospitare una mostra fotografica. Racconterà il viaggio di ricostruzione della scuola di istruzione primaria e per l’infanzia “E. De Amicis” di Muccia, colpito dal sisma del 2016.

Anche il Gruppo Armani sarà presente per la prima volta a Pitti Bimbo con la linea junior di Emporio Armani. La collezione verrà presentata esclusivamente in fiera a stampa e buyer, con un allestimento dedicato presso la Sala della Scherma.

Continuano le new entry a Pitti Bimbo: anche Jacob Cohën sarà presente con la collezione kidswear. una linea dai 4 ai 14 anni che si muove in assoluta continuità con l’identità dell’azienda, ma al ritmo vivace dei nativi digitali.

Il ruolo di riferimento e il successo di Pitti Bimbo sono testimoniati dalla partecipazione dei migliori compratori italiani e internazionali. La loro presenza certifica la qualità dell’offerta, la capacità di rinnovamento, l’attenta segmentazione e l’impegno continuo nello scouting di nuovi marchi.

Pitti Immagine aumenta gli investimenti sul suo programma di incoming di top buyer e operatori della distribuzione internazionale, grazie al contributo di MiSE e Agenzia ICE.

A questa edizione di Pitti Bimbo, focus sugli shop internazionali più di ricerca, sui department store di riferimento, e naturalmente sugli shop online. 

Una particolare attenzione sarà rivolta a paesi come Stati Uniti, area del Medio Oriente e del Far East. 

I top buyer del salone arriveranno da ogni parte del mondo: Arabia Saudita, Australia, Corea del Sud, Emirati Arabi, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna solo per citarne alcuni. Certamente non è stato lesinato alcuno sforzo per mettere in contatto il mondo degli espositori con i migliori buyer al mondo. Appuntamento quindi con Pitti Bimbo alla Fortezza da Basso,  dal 20 al 22 giugno.