Made in Steel 2019, a fieramilano il meglio della siderurgia

Dal 14 al 16 maggio, il polo fieristico di Rho ospiterà Made in Steel 2019, la più importante kermesse dedicata alla filiera siderurgica del sud Europa.

Da oltre 10 anni vero e proprio punto di riferimento per la siderurgia, Made in Steel 2019 arriva alla ottava edizione. Il primo punto di discontinuità è nel periodo della settimana: ora si va da martedì a giovedì, per meglio incontrare le richieste degli operatori della filiera dell’acciaio. Tutti i maggiori player siderurgici italiani, europei e mondiali hanno già confermato la propria presenza, ponendo le basi per un nuovo miglioramento delle performance della manifestazione.

A rendere meglio la rilevanza di Made in Steel 2019, sono i numeri: in un solo mese, sono stati venduti poco meno di 5mila metri quadrati di superficie espositiva netta, pari al 35% del totale degli spazi disponibili. Un andamento che non ha fatto altro che rispecchiare il clima generale di moderato ottimismo che ha caratterizzato il comparto siderurgico negli ultimi mesi, almeno fino alla chiusura del 2018.

Nell’anno dell’ottava edizione di Made in Steel 2019, in Unione europea e in Italia le prospettive per il settore dell’acciaio rimarranno positive, anche se con numeri inferiori rispetto al recente passato, influenzati dall’effetto di trascinamento negativo dell’ultima parte del 2018. In Italia, secondo le stime dell’Ufficio Studi siderweb, nel 2019 il consumo apparente (consegne + import – export) dovrebbe aumentare dell’1% (+2,9% nel 2017; +2% nel 2018), allineandosi al dato europeo. In dettaglio, nel 2019 dovrebbe frenare l’automotive (-0,5% rispetto al 2018), mentre le costruzioni rimarranno su tassi di sviluppo di circa l’1%.

Sono ben 25 i paesi presenti a Made in Steel 2019: non solo i giganti europei del settore, come Germania, Francia e Spagna, ma anche pesi massimi mondiali al pari di India e Turchia.

I circa 123000 metri quadri sono già superiori a quelli della passata edizione, e l’80% degli espositori ha riconfermato la presenza anche per il 2019. Fondamentale anche il ruolo dei buyer qualificati, anch’essi più numerosi: oltre 40 da 20 Paesi stranieri, accelerando e agevolando anche il processo delle compravendite, vero cuore pulsante delle kermesse.

La doppia forza di Made in Steel 2019 sta nella sua stessa struttura: da un lato è business, opportunità di incontrare operatori siderurgici di tutto il mondo, di confrontarsi con i decision maker dell’industria dell’acciaio. Dall’altro, è anche conference: convegni, incontri, focus, organizzati da siderweb e dagli espositori negli appositi speakers’ corner. 

I temi principali di Made in Steel 2019 saranno innovazione e sostenibilità, come recita lo stesso titolo dell’evento: STEEL HUMAN – Sustainability and innovation. L’idea intercetta le due grandi priorità odierne dell’industria dell’acciaio globale, alle prese con la necessità di ridurre il proprio impatto ambientale e di rinnovare prodotti e processi per non perdere competitività.

Emanuele Morandi, amministratore delegato di Made in Steel
“Solo con le leve della sostenibilità e dell’innovazione, i pilastri sui quali si reggerà la siderurgia del futuro, riusciremo a produrre un acciaio umano, restando umani, rispettando persone, ambiente, imprese. Per conquistare un futuro migliore, è necessario integrare rigore quantitativo, attenzione all’organizzazione e logica economica con empatia, saggezza, coraggio e creatività proprie dell’uomo.»